GIURÆMILIA rel. 2.2.30.0Skip Navigation Links > Home page

Giurisprudenza di merito  Fascicolo 19/10/2017 n. 67    Documenti n. 23   : ORDINE CRONOLOGICO Fascicoli pregressi 2017     Fascicoli precedenti...
 
Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Cinosuro Roberta
Tutela e curatela - Minorenne straniera coniugata all'estero ed in stato di gravidanza  - Residenza abituale in Italia - Tutela e protezione del minore ai sensi della Convenzione dell'Aja - Giurisdizione Italiana e Legge italiana - Applicazione - Tutela e curatela - Minorenne straniera coniugata ed in stato di gravidanza - Emancipazione di diritto - Atti di straordinaria amministrazione concernenti la cura della gravidanza - Suscettibilità - Ricorso proposto dai Servizi Sociali per la nomina di tutore - Nomina di curatore - Necessità - Inidoneità dei congiunti e non meritevolezza del coniuge in quanto detenuto  - Nomina del Comune di residenza quale curatore - Rif.Leg. art.390, 394 cc; artt.741 cpc; artt.1, 2 L.476/1998 (Conv.Aja);
Ricorrente vittorioso

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Bisi Claudio
[APP TRIB BOLOGNA] Lavoro rapporto - Lavoro domestico - Dipendente (cuoco) di Congregazione religiosa - Vincoli spirituali - Lavoro domestico - Integrazione - Licenziamento - Configurabilità - Lavoro domestico - Dipendente di Congregazione religiosa - Lavoro domestico - Integrazione - Applicabilità del CCNL comparto turistico-alberghiero - Preclusione - Recedibilità ad nutum - Rif.Leg. artt.4 L.108/1990; art.8 L.604/1966;
Appellante vittorioso - Appellato soccombente

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Coco Carlo
[APP TRIB PARMA] Impiego pubblico - Anzianità di servizio - Personale docente precario - Scatti biennali di anzianità - Esclusione - Principi espressi dalla clausola 4 dell'Accordo Quadro - Applicazione - Progressione stipendiale prevista dai CCNL - Configurabilità - Prescrizione quinquennale prevista dall'art.2 L.428/1985 - Applicazione - Rif.Leg. art.2948 cc; artt.5,10 D.lgs 368/2001; art.53 L.312/1980; art.2 L.428/1985; artt.69, 71 D.lgs 165/2001;
Appellante soccombente - Appellato vittorioso

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Palladino Filippo
Lavoro rapporto - Licenziamento: ritorsivo - Alterco verbale - Contestazione disciplinare - Impugnazione della sanzione - Sopravvenuto licenziamento per g.m.o. - Motivi economici genericamente addotti - Sequenza temporale - Rilevanza - Licenziamento ritorsivo - Configurabilità - Reintegrazione - Rif.Leg. art.1 L.92/2012; art.18 L.300/1970;
Ricorrente vittorioso - Resistente soccombente

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Sbariscia Daria
Società - Amministratori: azione di responsabilità - Fallimento - Azione di responsabilità del curatore - Operazioni distrattive degli amministratori - Sussistenza - Determinazione del danno in favore della massa - Misura dell'ammontare delle somme distratte - Rif.Leg. art.2467, 2478bis cc; artt.146,173 RD 267/1941;
Attore vittorioso - Convenuto soccombente

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Romagnoli Silvia
Società - Trasferimento di quote sociali - Cessione di quote di srl - Clausola di opzione call delle quote residue - Esercizio del diritto opzione - Inadempimento del socio obbligato - Sequestro giudiziario - Istanza di sequestro giudiziario strumentale all'azione di esecuzione specifica - Fumus - Configurabilità - Inidoneità della quota residua ad incidere sulla gestione ordinaria per esiguità - Periculum - Non ricorrenza - Rif.Leg. art.2932 cc; art.670 cpc;
Ricorrente soccombente - Resistente vittorioso

Tribunale MODENA - Est. dr. Pagliani Giuseppe
Sepazione dei coniugi - Addebito di colpa - Allontanamenti dalla casa familiare - Relazioni extra coniugali pubblicizzate sui social network - Condotte aggressive e "padronali" - Disinteresse per la famiglia - Crisi coniugale - Efficacia causale - Pronuncia di addebito - Provvedimenti riguardo ai figli - Contesto genitoriale inadeguato - Affido condiviso - Preclusione - Affidamento provvisorio ai SS comunali con limitazione della responsabilità genitoriale (inserimento in ambiente etero-familiare) - Assegnazione della casa coniugale - Affidamento extra-familiare - Assegnazione della casa familiare - Preclusione - Alimenti e mantenimento - Coniugi privi di occupazione regolare e di redditi apprezzabili - Disponibilità di fatto della casa coniugale in capo al coniuge richiedente - Obblighi di mantenimento dell'altro coniuge - Esclusione - Procedimenti - Domande di pagamento di somme pregresse a titolo di mantenimento dei figli - Procedibilità con rito ordinario - Proposizione nel giudizio di separazione (rito camerale) - Inammissibilità - Rif.Leg. artt.151, 337ter cc; art.706 cpc;

Tribunale FORLI' - Est. dr. Mascini Luca
Lavoro rapporto - Sospensione del rapporto di lavoro - Appalto - Omissioni contributive dei subappaltatori - Sospensione del rapporto di lavoro - Effetti sull'obbligazione contributiva - Insussistenza - Lavoro rapporto - Appalto - Omissioni contributive - Solidarietà del committente - Sanzioni civili - Esclusione - Lavoro rapporto - Appalto - Ente Pubblico Economico (ACER) - Committenza - Art.29 D.lgs 276/2003 - Applicabilità - Lavoro rapporto - Appalto - Cessione di ramo d'azienda successivo alle prestazioni lavorative oggetto di accertamento - Diritto di regresso del committente ex art.29 D.lgs 276/2003 nei confronti del cessionario - Preclusione - Rif.Leg. art.2560 cc; art.29 D.lgs 276/2003; art.29 DL.244/1995; art.1 D.lgs 165/2001;
Opponente prevalentemente soccombente - Opposto prevalentemente vittorioso

Tribunale FORLI' - Est. dr. Pescatore Orazio
Comunione e condominio - Tabelle millesimali - Delibere di autorizzazione alla rideterminazione dei millesimi di alcune unità immobiliari - Rapporto di ripartizione interna fra condomini - Condomini estranei alla ridistribuzione dei millesimi - Interesse ad agire - Preclusione - Amministratore: nomina o revoca - Quota di rappresentanza prevista dalla legge - Mancato raggiungimento - Regime di prorogatio - Rif.Leg. artt.1124, 1126, 1129, 1136 cc; art.100 cpc;
Attori soccombenti - Convenuto vittorioso

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Matteucci Paola
Provvedimenti cautelari - Sequestro conservativo - Fallimento - "Svuotamento" delle società del gruppo in favore di società terza controllata di fatto dal fallito in bonis - Istanza di sequestro conservativo di beni strumentale all'azione di merito ex art.2033 cc - Fumus e periculum - Configurabilità - Rif.Leg. artt.1576, 1609, 1621, 2033 cc; artt.671 cpc;
Ricorrente vittorioso - Resistente soccombente

Tribunale PARMA - Est. dr. Vernizzi Enrico
Responsabilità civile - Responsabilità dei padroni e dei committenti - Parcheggio di supermercato - Richiesta di assistenza per le operazioni di carico - Sinistro - Fatto dannoso del dipendente - Occasionalità necessaria - Configurabilità - Responsabilità indiretta del datore ex art.2049 cc - Sussistenza - Concorso colposo del danneggiato - Configurabilità - Ausiliari dell'appaltatore - Rapporto di appalto - Ausiliari dell'appaltatore - Fatto illecito - Sinistro - Responsabilità concorrente del committente - Obbligazioni solidali - Misure delle quote di responsabilità - Regresso del committente nei confronti dell'appaltatore - Configurabilità - Rif.Leg. art.1227, 1298, 2043, 2049, 2055 cc;
Attore prevalentemente vittorioso - Convenuti e terzi chiamati soccombenti

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Gamberini Cinzia
Provvedimenti cautelari - Sequestro giudiziario - Legittimario integralmente pretermesso - Bene immobile trasmesso per successione testamentaria - Istanza sequestro ex art.670 cpc ante causam strumentale all'azione di riduzione per lesione di legittima - Fumus e periculum - Configurabilità - Sequestro giudiziario - Pretermissione dell'erede legittimario - Bene appartenente alla massa ereditaria - Soggezione del bene a riduzione - Incertezza - Pretese reintegratorie - Fumus - Avvenuto mandato per la vendita del bene - Periculum - Sequestro giudiziario - Configurabilità - Rif.Leg. art.542 cc; artt.670 cpc;
Ricorrente vittorioso - Resistente soccombente

Tribunale PIACENZA - Est. dr. Gigli Maria Beatrice
Lavoro rapporto - Licenziamento: giusta causa - Cooperativa - Socio lavoratore - Colluttazione sul luogo di lavoro - Prova del fatto contestato - Insussistenza - Reintegrazione - Procedimenti - Cooperativa - Licenziamento del socio lavoratore in assenza di delibere di esclusione - Domanda di tutela reale - Rito ordinario - Economia processuale - Prevalenza - Rif.Leg. art.1 L.92/2012; art.18 L.300/1970;
Ricorrente vittorioso - Resistente soccombente

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Salvadori Maria Cristina
Impugnazioni – Revocazione – Proposizione avverso Ordinanza di inammissibilità dell’appello (per irragionevolezza del proposto gravame) – Illegittimità processuale – Inammissibilità della impugnazione – Giudizio di revocazione – ad abundantiam : – Errore dedotto in revocazione – Riconducibilità ad “errore di fatto” – Esclusione – Riconducibilità ad “errore di valutazione” (id est : di giudizio) – Prevalenza esaustiva – Illegittimità del motivo di revocazione – Infondatezza dell’impugnazione – Rif. Leg. artt.348bis, 395 cpc; art.13 dPR 115/2002; [INAMMISSIBLITÀ]
Attore in revocazione soccombente in rito e nel merito - Convenuto in revocazione vittorioso in rito e nel merito
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Parisoli Francesco
[APP TRIB PARMA] Abitazione – Convivente more uxorio dell’ex proprietario defunto – Periodo della convivenza antecedente la morte e periodo successivo alla morte e convivenza – Possesso continuato ultraventennale di bene immobile – Volontà d’uso per esigenze abitative (animus possidendi) – Pronunzia in prime cure di usucapione del diritto di abitazione – Infondatezza – Possesso – Compossesso e detenzione – Convivenza more uxorio – Morte del partner proprietario dell’immobile adibito a casa di abitazione – Situazione giuridica soggettiva propria del convivente superstite : – detenzione qualificata – Fondatezza – Possesso autonomo o compossesso – Esclusione – Effetto di consolidamento del possesso – Esclusione – Mutamento della detenzione in possesso – Esclusione – Possesso utile ed idoneo a fini di usucapione del diritto di abitazione – Insussistenza – Occupazione arbitraria di terreni ed edifici – Detenzione qualificata di immobile da parte dell'ex convivente del proprietario defunto – Terzi acquirenti (da eredità giacente) del diritto di proprietà sul bene immobile detenuto – Domanda di accertamento di occupazione sine titulo avverso il detentore (qualificato) del bene – Fondatezza – Danno in re ipsa – Reiezione della domanda risarcitoria – Inottemperanza all’onere di allegazione – Rif. Leg. artt.1022, 1141, 1146, 1158 cc; [RIFORMA INTEGRALE]
Appellante vittorioso - Appellato soccombente
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Saracini Enrico
[APP TRIB BOLOGNA] Responsabilità civile – Nesso causale – “Buca” nel manto stradaleCaduta del pedone – Pericolo ed evento evitabile con l’uso della normale diligenza – “Disattenzione” (negligenza) – Idoneità ai fini dell'esclusione del nesso causale tra res e danno – Responsabilità della pubblica amministrazione – Ente pubblico territoriale (Comune) proprietario della strada pubblica – Dovere di manutenzione e di custodia – Responsabilità per danno da cosa in custodia – Esclusione – Attribuzione dell’evento lesivo al caso fortuito esimente – Danno cagionato da cose in custodia – Avvallamento\ digressione nel manto stradale in area di sosta per autoveicoliCondizioni di visibilità idonee alla immediata percezione del pericoloCaduta del pedone – Tutela della legittima aspettativa con riguardo alla pervietà del luogo – Infondatezza – Condotta colposa idonea a configurare un mero concorso di colpa – Esclusione – Pretesa risarcitoria – Infondatezza – Rif. Leg. artt.40, 41 cp; artt.1227, 2051 cc; [RIFORMA INTEGRALE]
Appellante vittorioso - Appellato soccombente
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Di Pasquale Riccardo
[APP TRIB RIMINI] Contratti in generale – Causa del contratto – Dazione di denaro in ragione di specifica finalità – Dichiarazione espressa del vincolo di destinazione (scritto autografo) – Prova documentale – Mutuo – Configurazione del contratto tipico di mutuo – Esclusione – Configurazione di fattispecie atipica del contratto di mutuo – in ispecie : Mutuo di scopo – Espressione di autonomia negoziale – Liceità – Oggetto del contratto – Dazione di somma di denaro al fine della predisposizione di spazio abitativo a vantaggio del mutuante in immobile del mutuatario – Duplicità degli obblighi contrattuali assunti : – 1. Adempimento dell’obbligo derivante dal mutuo di scopo – id est : controprestazione promessa quale corrispettivo della somma mutuata – 2. Adempimento dell’obbligo della restituzione della somma mutuata – (Sinallagma contrattuale)Mutuo di scopo – Inadempimento da parte del mutuatario degli obblighi derivanti dal contratto – Accordo tra mutuante e mutuatario di restituzione della somma mutuata – Insussistenza – Irrilevanza – Obbligo di restituzione della somma mutuata e degli interessi al mutuante – Sussistenza – Rif. Leg. artt.1321, 1322, 1323, 1325, 1343, 1346, 1813 cc;
Appellante soccombente - Appellato vittorioso
[P.M.]

Tribunale PARMA - Est. dr. Chiari Angela
Valori mobiliari - Intermediazione mobiliare - Interest rate swap - Strumento finanziario - Derivato over the counter OTC quotato sui mercati non regolamentati - Configurabilità - Intermediazione mobiliare - Strumenti finanziari - Scommesse legalizzate - Sussistenza - Creazione di alee reciproche e bilaterali - Sblanciamento o asimmetria parziale - Suscettibilità - Nullità per difetto di oggetto o causa - Esclusione - Intermediazione finanziaria - Normativa post MIFID -  Obblighi di informazione e di adeguatezza - Clientela retail - Negozio di contratto derivato di valore markt to market negativo - Obblighi di tutela e di adeguatezza dettagliati e personalizzati - Mancato assolvimento - Risarcimento del danno - Misura dei flussi negativi addebitati Rif.Leg. art.1933 cc; artt.1, 23 D.lgs 58/1998; art.31, 39, 40, 41 Reg.Consob 16190/2007;
Attore vittorioso - Convenuto soccombente

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Di Pasquale Riccardo
[APP TRIB FERRARA] Divorzio – Assegno di divorzio – Corresponsione dell’assegno di divorzio in un’unica soluzione – Legittimità – Accordo (in forma di conclusioni congiunte) – id est : negozio transattivo ed aleatorio con rinunzia ex nunc a domande di natura economica – Divorzio – Procedimento – Assegno di divorzio – Corresponsione una tantum – Subordinazione dell’efficacia della convenzione all’approvazione del giudice (delibazione) – id est : accertamento di congruità ed equità – Ricorrenza nel caso di specie – Rif. Leg. artt.4, 5 L 898/1970; art.10 L 74/1987; [RIFORMA INTEGRALE]
Appellante e Appellato. Accoglimento di istanza congiunta
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Bellini Melania
[APP TRIB REGGIO EMILIA] Separazione dei coniugi – Addebito di colpa – Violazione del dovere di fedeltà coniugale – Assenza di nesso causale con la sopravvenuta intollerabilità della convivenza coniugale – Infondatezza – Addebito di colpa – Nascita di secondo genito – Rifiuto del ruolo genitoriale – Rilevanza in prime cure ai fini : – a) della sopravvenuta e irrimediabile intollerabilità nella prosecuzione della convivenza – b) del regime di affidamento dei figli – Provvedimenti riguardo ai figli – Affidamento esclusivo dei figli minori – Proposizione di motivi di appello avverso la statuizione – Insussistenza – Diritto di visita del genitore non convivente : – ‘riduzione’ in prime cure rispetto alle statuizioni dell’ordinanza presidenziale – Motivo di appello “non motivato” – Inammissibilità – Mantenimento – Detrimento delle condizioni economiche – Obiettiva minor capacità di contributo al mantenimento dei figli – Riduzione nel quantum dell’obbligo – Rif. Leg. artt.143, 150, 151, 156, 337bis, 337ter, 337quater, 337sexies cc; [RIFORMA PARZIALE]
Appellante parzialmente vittorioso - Appellato parzialmente soccombente - Conclusioni del Procuratore Generale. Accoglimento parziale
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Parisoli Francesco
[APP TRIB MODENA] Procedimento civile – Procedimento sommario di cognizione – Accertamento in materia di servitù prediali – Compatibilità ed ammissibilità del rito sommario di cognizione – Sussistenza – Possesso – Procedimento possessorio: divieto di cumulo – Pendenza di procedimento possessorio – Domanda petitoria – Improcedibilità – Esclusione – Possesso – Accessione del possesso – Servitù di passaggio – Unione del possesso del successore a titolo particolare e del dante causa – Irrilevanza – Acquisto del diritto per usucapione – Esclusione – Servitù – Servitù di passaggio – Costituzione per destinazione del padre di famiglia – Infondatezza – Destinazione del passaggio (“stradello” tra fondi finitimi) al servizio del fondo dominante – Inottemperanza all’onere della prova – Opere visibili e permanenti destinate all’esercizio della servitù – Insussistenza – Servitù “non apparente” acquisita per destinazione del padre di famiglia – Esclusione ex legeProprietà – Azione negatoria – Azione esercitata dal proprietario di preteso fondo servente – Legittimità e fondatezza – Diritto del proprietario del fondo latistante all’imposizione di servitù di passaggio – Insussistenza – (Configurabilità di “via agraria” tra i fondi – Incongruità – Godimento jure proprietatis escludente per definizione la possibilità di titolarità e godimento di diritti jure servitutis) – Rif. Leg. artt.949, 1027, 1032, 1058, 1061, 1062, 1146, 1158 cc; artt.702bis, 705 cpc;
Appellante soccombente - Appellato vittorioso
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Palumbi Antonella
[APP TRIB MODENA] Notificazione (mat. Civile) – A persone giuridiche – Discordanza tra “sede legale” e “sede effettiva” – Notificazione nella sede “secondaria” – Legittimità – Consegnatario abilitato (in concreto) alla ricezione – Sussistenza – Valido compimento della notificazione – Sussistenza – Ingiunzione – Irregolarità della notificazione del D.I. – Esclusione – Impossibilità di tempestiva conoscenza del D.I. e di tempestiva proposizione dell’opposizione – Esclusione – Requisiti ai fini della legittima opposizione a D.I. oltre il termine stabilito – Inottemperanza all’onere della prova – Opposizione tardiva a D.I. – Inammissibilità – Declaratoria – Rif. Leg. artt.46, 145, 641, 645, 650 cpc; L 263/2005;
Appellante soccombente - Appellato vittorioso
[P.M.]

Tribunale PARMA - Est. dr. Chiari Angela
Società - Amministratori: azione di responsabilità - Fallimento - Azione di responsabilità del curatore - Proposizione di azione sociale ex art.2476 cc - Responsabilità contrattuale - Regime della prova - Amministratori: azione di responsabilità - Contabilità sociale - Inattendibilità - Accertamento dei danni concretamente riconducibili agli specifici inadempimenti degli amministratori - Insuscettibilità - Risarcimento del danno - Misura della differenza fra l'attivo/passivo accertati in sede fallimentare (in riferimento a Cass 9100/2015) - Configurabilità - Rif.Leg. artt.2392, 2393, 2394, 2476 cc; art.146 RD 267/1992;
Attore vittorioso - Convenuto soccombente


 
Ricerca generale
Ricerca per voci
Area riservata utenti
Corte d'Appello di Bologna
Tribunale dei minori di Bologna
Tribunale di Bologna
Tribunale di Ferrara
Tribunale di Forlì-Cesena
Tribunale di Modena
Tribunale di Parma
Tribunale di Piacenza
Tribunale di Ravenna
Tribunale di Reggio Emilia
Tribunale di Rimini
Giudici di Pace
 
Provvedimenti massimati
Note e commenti
dr. Luciano Varotti (Consigliere Corte d'Appello di Bologna)
CORSO DI FORMAZIONE PER GESTORI DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO - Il sovraindebitamento e il piano del consumatore
La legge 27 gennaio 2012 n° 3 si propone di dettare misure in materia di usura e di crisi da sovraindebitamento. Ricorda molto una fenice, il noto uccello mitologico famoso per il fatto di risorgere dalle proprie ceneri dopo la morte, se è vero – come lo è – che essa venne preceduta dal DL 22 dicembre 2011 n° 212 ("disposizioni urgenti per l’efficienza della giustizia civile"), le cui disposizioni vennero abrogate dalla legge di conversione del 17 febbraio 2012 n° 10, per risorgere – per l’appunto – con la legge n° 3 del 2012. L’originario impianto normativo contenuto in questa legge venne poi stravolto dall’intervento effettuato con il d.l. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221, grazie al quale siamo arrivati alla attuale formulazione del testo normativo. Direi però che, invece di rinascere giovane e potente, la legge n° 3 ha assunto la forma di un Cerbero, un mostro mitologico tricefalo con un unico corpo: c’è solo da augurarsi che essa non duri 500 anni, come la vera Fenice.
dr.ssa RossellaTalia (Presidente Tribunale di Rimini)
LINEE GUIDA in materia di istanze ex art. 492 bis c.p.c. – 155 quinquies disp. att. c.p.c.
In attesa della operatività dell’accesso alle banche dati da parte dell’ufficiale giudiziario ex art. 492 bis c.p.c. – coincidente con l’inserimento di ciascuna delle banche dati nell’elenco pubblicato sul portale dei servizi telematici (art. 155 quater comma 1 e art. 155 quinquies comma 2 disp. att. c.p.c. nel testo novellato dalla Legge 6 agosto 2015 n. 132, di conversione con modificazioni del Decreto Legge 27 giugno 2015 n. 83) – la ricerca da parte del creditore con modalità telematiche di beni ai fini del pignoramento mobiliare o presso terzi è disciplinata dall’art. 155 quinquies disp. att. c.p.c. in relazione all’art. 492 bis c.p.c.
Avv. Giuseppe Villone (Foro di Bologna)
Brevi note sulle notificazioni in proprio eseguite a mezzo PEC a seguito del D.M 48/2013 e sul Protocollo sulle notificazioni tramite PEC dell’Osservatorio della Giustizia Civile di Bologna del 21 luglio 2014
La possibilità di effettuare notificazioni a mezzo PEC in proprio da parte degli avvocati ai sensi della L. 53/1994 rappresenta indubbiamente forse una delle più significative recenti semplificazioni degli innumerevoli adempimenti formali cui il legale che svolge essenzialmente attività giudiziale è chiamato. Come non ricordare le interminabili code presso gli uffici dell’UNEP per notificare un atto, per poi tornare nuovamente a ritirare l’originale rilasciato dall’ufficiale giudiziario, senza peraltro alcuna sicurezza sul buon esito della notificazione quando il notificando risultava irreperibile e/o trasferito...
Avv. Ciro Giuliano (Foro di Modena)
La scissione parziale come modalità esecutiva di una proposta di concordato preventivo con continuità aziendale
Il Legislatore ha previsto il concordato con continuità aziendale, ipotizzando sia la "prosecuzione dell’attività di impresa da parte del debitore", sia "la cessione dell’azienda in esercizio ovvero il conferimento dell’azienda in esercizio in una o più società, anche di nuova costituzione" (art. 186-bis, L. Fall. Nel primo caso, viene data allo stesso imprenditore la possibilità di uscire dallo stato di crisi, pagando solo in parte i propri debiti e destinando allo scopo solo una parte del suo patrimonio e del cash-flow generato dalla prosecuzione dell’attività d’impresa...
vedi elenco completo...