GIURÆMILIA rel. 2.2.30.0Skip Navigation Links > Home page

Giurisprudenza di merito  Fascicolo 14/12/2017 n. 83    Documenti n. 20   : ORDINE CRONOLOGICO Fascicoli pregressi 2017     Fascicoli precedenti...
 
Tribunale RAVENNA - Est. dr. Bernardi Dario
Infortuni sul lavoro - Malattie professionali - Esposizione all'amianto - Adenocarcinoma - Morte - Attività a rischio elevato o moderato - Non ricorrenza - Bassa esposizione - Sussistenza - Raggiungimento della soglia del "più probabile che non " - Esclusione - Malattie professionali - Esposizione all'amianto - Tabagismo - Esposizione bassa - Effetto additivo del fumo - Non configurabilità - Rif.Leg. artt.2087 cc;
Ricorrenti soccombenti - Resistente vittorioso

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Pugliese Maria Luisa
Lavoro rapporto - Licenziamento: giusta causa - Responsabile di call center - Verifica delle procedure corrette da parte delle operatrici - Inosservanza - Licenziamento - Insussistenza dei fatti contestati accertata in relazione alle condotte delle operatrici - Licenziamento - Non configurabilità - Licenziamento: giusta causa - Fatti contestati - Manifesta insussistenza accertata in differenti procedimenti - Reintegrazione - Effetti risarcitori e ripristinatori - Rif.Leg. art.1 L.92/2012; art.18 L.300/1970;
Ricorrente vittorioso - Resistente soccombente

Tribunale RIMINI - Est. dr. La Battaglia Luigi
Sanità e sanitari - Medici ospedalieri, convenzionati e libero professionisti - Medico dipendente Ausl in regime intramurario operante presso poliambulatorio privato - Rapporto contrattuale fra paziente Ausl e Poliambulatorio - Non configurabilità - Rapporto libero professionale - Integrazione - Professioni intellettuali - Responsabilità civile: personale medico - Intervento ginecologico - Applicazioni laser - Effetti lesivi insorti nel tempo (ragadi ed ustioni) - Nesso causale del "più probabile che non" - Componente astratta cd pascaliana - Idoneità - Componente concreta cd baconiana (articolazione dei fatti nel corso degli anni) - Nesso causale in concreto - Non configurabilità - Responsabilità civile: personale medico - Consenso informato - Regime della prova - Omessa acquisizione - Danno autonomo e distinto -  Liquidazione - Criteri -  Rif.Leg. artt.1218, 1228, 2229, 2230 cc;
Attore parzialmente vittorioso - Convenuto parzialmente soccombente - Terzi chiamati vittoriosi

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Angelini Chesi Marcella
Vendita - Vendita di immobili - Compravendita di immobile - Assenza di abitabilità e non conformità alle norme edilizie - Illiceità dell'oggetto - Esclusione - Illiceità della prestazione - Configurabilità - Azione di nullità . - Preclusione - Recesso - Suscettibilità - Presupposizione - Compravendita di immobile - Mancanza di causa concreta - Presupposizione - Riconducibilità alla condizione inespressa o alla causa concreta - Esclusione - Annullamento del contratto - Compravendita di immobili - Irregolarità edilizia - Azione di annullamento per errore - Prescrizione - Dies a quo - Vendita - Aliud pro alio - Consegna aliud pro alio - Azione ordinaria di risoluzione contrattuale - Configurabilità - Consapevolezza dei vizi insanabili - Espressa rinuncia - Azioni di risoluzione ed azione risarcitoria - Preclusione - Rif.Leg. artt.1346,1453, 1495, 1541 cc;
Attore soccombente - Convenuto vittorioso

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Florini Fabio
Concorrenza e pubblicità - Competenza e giurisdizione - Iniziativa cautelare ante causam - Prospettazione di sviamento di clientela per sottrazione di informazioni commerciali riservate - Art.98 CPI - Connotati tassativi - Omessa allegazione - Competenza del Tribunale delle Imprese - Preclusione - Concorrenza e pubblicità - Competenza e giurisdizione - Ipotetica competenza del Tribunale delle Imprese di Bologna - Controversia con società avente sede all'estero - Disposto dell'art.4 co.1bis D.lgs 168/2003 - Foro speciale - Tassatività - Competenza del Tribunale delle Imprese di Genova - Rif.Leg. art.2598 cc; artt.3, 4 D.lgs 168/2003; artt.29, 30, 134 D.lgs 30/2005;
Ricorrente soccombente in rito - Resistente vittorioso in rito

Tribunale PARMA - Est. dr. Pascarelli Roberto
Infortuni sul lavoro - Inail: azione di regresso - Condominio - Lavori di ristrutturazione - Ponteggi - Insidia - Infortunio mortale - Responsabilità del datore - Azione di regresso dell'Inail nei confronti del datore e dei corresponsabili - Fondatezza - Prove civili: ammissione delle prove - Sentenza di patteggiamento - Prova atipica - Ammissibilità - Valenza probatoria di presunzione semplice - Assicurazione contratto - Rischio assicurato - Cantiere - Utilizzo di collaboratori esterni - Garanzia assicurativa - Copertura di soggetti terzi - Mancata previsione - Rif.Leg. artt.2087, 2729 cc; art.444 cpp; artt.10, 11 Dpr 1124/1965;
Ricorrente vittorioso - Convenuti soccombenti - Terzo chiamato vittorioso

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Parisi Mariapia
[APP TRIB REGGIO EMILIA] Stranieri – Diritto all’unità familiare e tutela dei minori – Straniero coniuge di cittadina straniera – Prole (figlia minore) – Permesso di soggiorno – Domanda di rilascio del permesso di soggiorno per motivi familiari – Reiezione – Inottemperanza a plurimi provvedimenti di espulsione – Precedente penale (reato) – Pericolo per l’ordine pubblico e la sicurezza interna – Applicazione ‘automatica’ dei parametri di pericolosità – Esclusione – Conferma del provvedimento del Questore – Legittimità e fondatezza della pronunzia dell’ago adìta in prime cureRif. Leg. artt.4, 5, 13, 14, 30 DLgs 286/1998; art.73 DPR 309/1990; DLgs 5/2007; art.20 DLgs 30/2007; [CONFERMA]
Appellante soccombente - Appellato vittorioso
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Guidotti Pietro
[APP TRIB PARMA] Fallimento – Procedura prefallimentare – Procedimento per la dichiarazione di fallimento – Decreto di convocazione – Notificazione a mezzo PEC – Nullità – Insussistenza – Notificazione e perfezionamento del procedimento di notifica rituali – Riferimento all’indirizzo PEC comunicato al Registro delle Imprese – Legittimità – Procedura prefallimentare – Deposito dei bilanci relativi agli ultimi tre esercizi – Inadempimento – Presentazione di copie informali in sede di reclamo avverso dichiarazione di fallimento – Illegittimità – Stato di insolvenza – Superamento della soglia ex lege di debiti scaduti ed insoluti – Sostanziale inesistenza di attivo – Limiti dimensionali – Inottemperanza dell’imprenditore all’onere della prova – Reclamo avverso dichiarazione di fallimento – Manifesta infondatezzaRif. Leg. artt.1, 5, 15, 28 RD 267/1942 (Lg. Fall.re); artt.5, 17 DL 179/2012 (conversione L 221/2012); art.16 DL 185/2008 (conversione L 2/2009); [CONFERMA]
Reclamante soccombente
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Bellini Melania
Giudizio di delibazione – Lodo arbitrale straniero – Decreto di efficacia del Presidente della Corte d’Appello – Opposizione – Legittimità e fondatezza – Arbitrato – Lodo internazionale o estero – Lodo della Chambre Arbitrale de Paris – Attinenza a contratto di compravendita – Conclusione del contratto per facta concludentia – Validità ed efficacia del contratto – Clausola arbitrale – Forma scritta e sottoscrizione – Insussistenza – Validità obbligatoria della clausola compromissoria – Insussistenza – Riconoscimento ed efficacia del lodo straniero – Esclusione – Rif. Leg. art.352, 840 cpc; art. V Convenzione di New York 10.VI.1958 (ratifica L 62/1968);
Opponente vittorioso in rito
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. De Cristofaro Anna
[APP TRIB REGGIO EMILIA] Fallimento – Istanza di fallimento – Creditore istante – Credito all’attualità contestato in sede giudiziale – Irrilevanza – Valenza oggettiva nell’esposizione debitoria del fallendo – Prevalenza esaustiva – Stato di insolvenza – Assenza di liquidità – Assenza di attivo – Assenza di patrimonio immobiliare – Passività desumibili dal bilancio – Rilevanza esaustiva – Allegazione di documentazione “non ufficiale” (informale) – Irrilevanza e sostanziale valenza di inottemperanza all’onere della prova – Stato di insolvenza – Superamento dei limiti dimensionali ex lege per attivo e passivo – Superamento del limite ex lege dei debiti scaduti ed insoluti – Dichiarazione di fallimento – Fondatezza – Capacità di regolare adempimento da parte della società delle proprie obbligazioni – Esclusione – Reclamo avverso dichiarazione di fallimento – Infondatezza e reiezione – ‘Inutilità’ della prosecuzione della procedura di liquidazione – Rif. Leg. artt.1, 5, 6, 15, 18 RD 267/1942 (Lg. Fall.re); art.13 DPR 115/2002; [CONFERMA]
Istanza del reclamante. Reiezione
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Varotti Luciano
[APP TRIB FERRARA] Fallimento – Revocatoria fallimentare: atti a titolo gratuito – Pagamento a favore di terzo – Esecuzione a mezzo di assegno bancario – Inefficacia dell'atto a favore della sopravvenuta procedura concorsuale (Amministrazione Straordinaria) del solvens – Mancato incasso in esito alla corresponsione – Inottemperanza all’onere della prova – Mezzo anomalo (atipico) di pagamento – Irrilevanza – Revocatoria fallimentare: atti a titolo gratuito – Azione a fini di revoca dell’efficacia di atto a titolo gratuito – Natura propria di azione meramente dichiarativa – Azione imprescrittibile – Revocatoria fallimentare: atti a titolo oneroso – Adempimento del debito del terzo – Appartenenza a medesimo gruppo societario del solvens e del terzo – in ispecie : pagamento in favore di società controllata – Onerosità implicita – Infondatezza – Accordo di cash pooling – Inottemperanza all’onere di allegazione – Pagamento soggetto all’azione revocatoria di atti a titolo oneroso – Infondatezza – Rif. Leg. artt.64, 67 RD 267/1942 (Lg. Fall.re formulazione vigente); [CONFERMA]
Appellante soccombente - Appellato vittorioso
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Palumbi Antonella
[APP TRIB BOLOGNA] Stranieri – Status di rifugiato o diritto di asilo – Istanza di protezione internazionale – Diniego della Commissione Territoriale preposta – Ricorso all’autorità giurisdizionale ordinaria civile in I grado – Riconoscimento del diritto al permesso di soggiorno per motivi umanitari – Illegittimità ed infondatezza della pronunzia – Protezione umanitaria – Timore soggettivo di violenza (minacciata o attuata) nel paese d’origine – Natura privata della vicenda personale – Seri motivi di “vulnerabilità” della persona – Insussistenza – Presupposti ai fini del riconoscimento della protezione umanitaria – Esclusione – Rif. Leg. artt.3, 19 DLgs 251/2007; [RIFORMA INTEGRALE]
Appellante vittorioso - Appellato soccombente - Conclusioni del Procuratore Generale. Accoglimento
[P.M.]

Tribunale PARMA - Est. dr. Vernizzi Enrico
Responsabilità civile - Responsabilità contrattuale - Soppressione per eutanasia dell'animale di affezione con il consenso del proprietario - Perdita del corpo dell'animale - Clinica veterinaria universitaria - Obblighi di custodia - Non configurabilità - Risarcimento del danno morale soggettivo - Esclusione - Contratti della pubblica amministrazione - Soppressione di animale domestico presso Ente Pubblico - Accordi con il personale per la conservazione del corpo - Requisiti dei contratti iure privatorum con la P.A. - Forma scritta - Necessità - Responsabilità per fatto illecito o aquiliana - Smaltimento del corpo nell'immediatezza del decesso - Disposizioni sanitarie - Conformità - Condotte illecite fonte di danno ingiusto - Esclusione - Rif.Leg. artt.1218, 2043, 2059 cc;
Attore soccombente - Convenuto vittorioso

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Guidotti Pietro
[APP TRIB RIMINI] Fallimento – Istanza di fallimento – Credito da lavoro insoluto – Titolo giudiziale – Stato di insolvenza – Limite legale dei debiti scaduti e non pagati – Superamento – Esposizione debitoria complessiva inferiore alla soglia di minima rilevanza legale – Presupposti oggettivi di fallibilità (id est : limiti dimensionali) – Esclusione – Riferimento ai bilanci societari in prime cure – Illegittimità – Dichiarazione di fallimento – Infondatezza – Procedimento di reclamo avverso dichiarazione di fallimento – Costituzione del creditore istante – Revoca dell’istanza di fallimento – Reclamo avverso dichiarazione di fallimento – Fondatezza – Revoca della pronunzia dichiarativa di fallimento – Attinenza a società di persone e ai soci illimitatamente responsabili “in proprio” – Rif. Leg. artt.1, 5, 6, 15, 18 Lg. Fall.re (RD 267/1942); [RIFORMA]
Istanza del reclamante. Accoglimento
[P.M.]

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Costanzo Antonio
Successioni - Testamento: impugnazione - Impugnazione del testamento olografo per carenza di autografia - Incapacità naturale del de cuius - Estraneità - Pregiudizialità del procedimento penale per accertamento del reato di circonvenzione di incapace - Esclusione - Testamento olografo - Lascito in favore della badante - Testamento olografo avente natura di legato - Comparazione ed analisi delle schede testamentarie olografe succedute nel tempo - CTU grafologica - Rinnovazioni ed integrazioni - Autografia - Prevalenza - Prodotto grafico con il concorso di terzi (mano guidata) - Esclusione - Rif.Leg. artt.602, 606, 591 cc; art.295 cpc;
Attore soccombente - Convenuto vittorioso

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Chierici Rita
Fallimento - Compenso del curatore e spese della procedura - Concordato preventivo - Revoca della dichiarazione di fallimento - Spese della procedura fallimentare e compensi del curatore - Spese di giustizia  - Configurabilità -  Spese di Giustizia - Processi particolari - Revoca del fallimento - Azione del debitore rientrato in bonis - Art.147 Dpr 115/2002 - Soggetto a cui ascrivere la dichiarazione di fallimento e le spese della procedura (debitore o creditore)  - Non individuabilità - Gratuità del compenso  - Preclusione - Legittimazione del debitore concorsuale in bonis all'azione - Non configurabilità - Azioni di surrogazione/ripetizione/gestione d'affari - Suscettibilità  - Amministrazione pubblica - Rappresentanza e costituzione in giudizio - Controversia nei confronti di Organismo Pubblico assistito dall'Avvocatura dello Stato - Errata indicazione dell'organo legittimato (Min.Economia) - Rinnovazione della citazione (Min. di Giustizia) - Eccezione dell'Avvocatura di errata identificazione  - Proposizione alla prima udienza - Necessità - Rif.Leg.artt.146,147,185 Dpr 115/2002;art.4 L.260/1958;artt.21 RD 267/1942;
Attore soccombente - Convenuto vittorioso

Tribunale MODENA - Est. dr. Bettini Luigi
Agenzia contratto - Recesso per inadempimento o per giusta causa - Informatore medico - Attività informativa e relazionale - Sponsorizzazione di medici presso congressi - Casi di rinuncia non comunicata - Recesso della preponente - Giusta causa - Insussistenza - Indennità sostitutiva del preavviso - Recesso privo di giusta causa - Indennità sostitutiva del preavviso - Liquidazione - Criteri - Indennità per cessazione del rapporto - Recesso non imputabile all'agente - Requisiti della crescita del fatturato e della persistenza dei vantaggi per il mandante - Indennità ex art.1751 cc - Liquidazione - Criteri - Rif.Leg. artt.1750, 1751 cc;
Ricorrente vittorioso - Resistente soccombente

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Sorgi Carlo
Lavoro rapporto - Appalto - Subentro di nuovo appaltatore - Art.29 D.lgs 276/2003 nuova formulazione - Riduzione quantitativa dell'appalto - Discontinuità - Non configurabilità - Appalto - Cambio di appalto - Licenziamento successivo per ragioni di maternità - Mancata riassunzione del lavoratore al termine del periodo di astensione obbligatoria - CCNL applicato dal datore subentrante - Mancata previsione della clausola sociale - Irrilevanza - Trasferimento d'azienda - Configurabilità - Reintegrazione presso il datore subentrante - Necessità - Rif.Leg. art.2112 cc; art.18 L.300/1970; art.1 L.92/2012; art.54 D.lgs 151/2001; art.29 D.lgs 276/2003;
Ricorrente vittorioso - Resistenti soccombenti e vittoriosi

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Gattuso Marco
Provvedimenti cautelari - Urgenza - Somministrazione di gas - Morosità - Chiusura e sigillatura del contatore - Condotte ostruzionistiche dell'utenza - Obblighi di disalimentazione incombenti sul distributore ai sensi dell'art.13bis TIGM (Testo integrato morosità gas) - Fumus e periculum - Accesso forzoso - Configurabilità - Rif.Leg. art.700 cpc;
Ricorrente vittorioso - Resistente contumace soccombente

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Varotti Luciano
[APP TRIB FORLÌ] Fallimento – Revocatoria fallimentare – Anno anteriore alla dichiarazione di fallimento – “Cessione di credito” del debitore (fallito in bonis) al creditore (Banca) – Adempimento da parte del terzo (debitore ceduto) nei confronti del creditore (Banca) – Configurabilità di mezzo atipico (anomalo) di pagamento impiegato dal debitore\ fallito in bonis (solvens) in favore del creditore\ Banca (accipiens) – Esclusione – Contratto di anticipazione bancaria in essere tra debitore (solvens) e creditore (accipiens)id est : anticipi su fatture con cessione di credito – in ispecie : concessione di affidamento verso presentazione di carta commerciale – Funzione solutoria della “cessione del credito” – Esclusione – Funzione (della cessione di credito) di ripristino della provvista – Rilevanza e prevalenza esaustiva – Configurabilità di “normale modalità di pagamento” (id est : atto a titolo oneroso) – Adeguatezza – Revoca del pagamento effettuato dal terzo (debitore ceduto) in quanto mezzo atipico di pagamento – Illegittimità ed infondatezza – Sentenza civile – Ultra et extra petita – Declaratoria in prime cure di inefficacia della “cessione del credito” – Statuizione su domanda non proposta (vizio di ultrapetizione) – Impugnazione sul punto – Insussistenza – Rif. Leg. artt.67, 70 RD 267/1942 (Lg. Fall.re formulazione vigente); [RIFORMA INTEGRALE]
Appellante vittorioso - Appellato soccombente
[P.M.]


 
Ricerca generale
Ricerca per voci
Area riservata utenti
Corte d'Appello di Bologna
Tribunale dei minori di Bologna
Tribunale di Bologna
Tribunale di Ferrara
Tribunale di Forlì-Cesena
Tribunale di Modena
Tribunale di Parma
Tribunale di Piacenza
Tribunale di Ravenna
Tribunale di Reggio Emilia
Tribunale di Rimini
Giudici di Pace
 
Provvedimenti massimati
Note e commenti
dr. Luciano Varotti (Consigliere Corte d'Appello di Bologna)
CORSO DI FORMAZIONE PER GESTORI DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO - Il sovraindebitamento e il piano del consumatore
La legge 27 gennaio 2012 n° 3 si propone di dettare misure in materia di usura e di crisi da sovraindebitamento. Ricorda molto una fenice, il noto uccello mitologico famoso per il fatto di risorgere dalle proprie ceneri dopo la morte, se è vero – come lo è – che essa venne preceduta dal DL 22 dicembre 2011 n° 212 ("disposizioni urgenti per l’efficienza della giustizia civile"), le cui disposizioni vennero abrogate dalla legge di conversione del 17 febbraio 2012 n° 10, per risorgere – per l’appunto – con la legge n° 3 del 2012. L’originario impianto normativo contenuto in questa legge venne poi stravolto dall’intervento effettuato con il d.l. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221, grazie al quale siamo arrivati alla attuale formulazione del testo normativo. Direi però che, invece di rinascere giovane e potente, la legge n° 3 ha assunto la forma di un Cerbero, un mostro mitologico tricefalo con un unico corpo: c’è solo da augurarsi che essa non duri 500 anni, come la vera Fenice.
dr.ssa RossellaTalia (Presidente Tribunale di Rimini)
LINEE GUIDA in materia di istanze ex art. 492 bis c.p.c. – 155 quinquies disp. att. c.p.c.
In attesa della operatività dell’accesso alle banche dati da parte dell’ufficiale giudiziario ex art. 492 bis c.p.c. – coincidente con l’inserimento di ciascuna delle banche dati nell’elenco pubblicato sul portale dei servizi telematici (art. 155 quater comma 1 e art. 155 quinquies comma 2 disp. att. c.p.c. nel testo novellato dalla Legge 6 agosto 2015 n. 132, di conversione con modificazioni del Decreto Legge 27 giugno 2015 n. 83) – la ricerca da parte del creditore con modalità telematiche di beni ai fini del pignoramento mobiliare o presso terzi è disciplinata dall’art. 155 quinquies disp. att. c.p.c. in relazione all’art. 492 bis c.p.c.
Avv. Giuseppe Villone (Foro di Bologna)
Brevi note sulle notificazioni in proprio eseguite a mezzo PEC a seguito del D.M 48/2013 e sul Protocollo sulle notificazioni tramite PEC dell’Osservatorio della Giustizia Civile di Bologna del 21 luglio 2014
La possibilità di effettuare notificazioni a mezzo PEC in proprio da parte degli avvocati ai sensi della L. 53/1994 rappresenta indubbiamente forse una delle più significative recenti semplificazioni degli innumerevoli adempimenti formali cui il legale che svolge essenzialmente attività giudiziale è chiamato. Come non ricordare le interminabili code presso gli uffici dell’UNEP per notificare un atto, per poi tornare nuovamente a ritirare l’originale rilasciato dall’ufficiale giudiziario, senza peraltro alcuna sicurezza sul buon esito della notificazione quando il notificando risultava irreperibile e/o trasferito...
Avv. Ciro Giuliano (Foro di Modena)
La scissione parziale come modalità esecutiva di una proposta di concordato preventivo con continuità aziendale
Il Legislatore ha previsto il concordato con continuità aziendale, ipotizzando sia la "prosecuzione dell’attività di impresa da parte del debitore", sia "la cessione dell’azienda in esercizio ovvero il conferimento dell’azienda in esercizio in una o più società, anche di nuova costituzione" (art. 186-bis, L. Fall. Nel primo caso, viene data allo stesso imprenditore la possibilità di uscire dallo stato di crisi, pagando solo in parte i propri debiti e destinando allo scopo solo una parte del suo patrimonio e del cash-flow generato dalla prosecuzione dell’attività d’impresa...
vedi elenco completo...