GIURÆMILIA rel. 2.2.33.0Skip Navigation Links > Home page

Giurisprudenza di merito  Fascicolo 24/04/2018 n. 28    Documenti n. 25   : ORDINE CRONOLOGICO Fascicoli pregressi 2017     Fascicoli precedenti...
 
Tribunale PARMA - Est. dr. Orani Silvia
Titoli di credito - Cambiale - Espropriazione presso terzi - Titolo cambiario protestato - Cambiale tratta - Accettazione - Non configurabilità - Azione cambiaria - Preclusione - Rif.Leg. artt.33 RD 1669/1933
Attore soccombente - Convenuto vittorioso

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Velotti Manuela
Competenza e giurisdizione - Connessione di cause - Azione di responsabilità nei confronti degli amministratori - Assicurazione chiamata in garanzia dal convenuto - Sede all'estero - Competenza del Tribunale delle Imprese di Genova - Non configurabilità - Società - Amministratori: azione di responsabilità - SPA - Azione nei confronti del Presidente del CdA - Distribuzione in favore dei dipendenti di somme in percentuale superiore alla previsione statutaria - Emolumenti risultanti dai bilanci approvati dagli organi societari - Rilevanza - Violazioni statutarie e di norme di legge - Non ricorrenza - Rif.Leg. artt.2043, 2392, 2433 cc; artt.32, 33 cpc; art.4 D.lgs 168/2003;
Attore soccombente - Convenuto vittorioso

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Parisi Mariapia
[APP TRIB FORLÌ] Procedimento civile – Separazione personale dei coniugi – Citazione e costituzione delle parti – Costituzione tardiva nel I grado di giudizio – Nullità della notificazione dell’atto introduttivo – Insussistenza – Istanza di rimessione in termini – Reiezione da parte del primo giudice – Legittimità – (Giudicato sul punto della regolarità del procedimento notificatorio del ricorso e del decreto di comparizione) – Riproposizione dell’istanza di rimessione in termini in grado di appello – Allegazione di impedimento dovuto a causa non imputabile alla parte – Infondatezza e reiezione – Separazione dei coniugi – Addebito di colpa – Inadempimento dei doveri di assistenza e solidarietà coniugale – Allontanamento unilaterale dalla casa familiare – Rilevanza e prevalenza esaustiva – Assenza di nesso di causalità con la rottura dell’unione coniugale – Esclusione – Rif. Leg. artt.153, 166, 183, 294 cpc; art.151, 156 cc; [CONFERMA]
Appellante soccombente in rito e nel merito - Appellato vittorioso in rito e nel merito
[P.M.]

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Sbariscia Daria
Marchi - Prodotti affini - Settore automotive - Giugiaro designer - Titolarità di marchi figurativi nazionali e comunitari - Marchio concorrente figurativo - Somiglianza d'insieme - Identità del settore merceologico - Rilevanza - Suscettibilità di confondibilità e di associazione fra i segni - Ricorrenza - Marchio celebre notorio rinomato - Marchio notorio Giugiaro - Prodotti affini - Uso di segno concorrente senza giusto motivo - Indebito vantaggio dalla rinomanza del segno prioritario - Inibitoria - Risarcimento del danno - Non configurabilità - Rif.Leg. artt.20 D.lgs 30/2005; art.8 Reg.CE 40/1994;
Attore vittorioso - Convenuto soccombente

Tribunale MODENA - Est. dr. Bettini Luigi
Infortuni sul lavoro - Tutela delle condizioni di lavoro - Art.2087 cc - Responsabilità oggettiva - Non configurabilità - Obbligazione di mezzi - Riconducibilità - Doveri di diligenza - Limiti - Condotte abnormi del dipendente - Responsabilità del lavoratore - Appalto - Mansioni di facchinaggio - Attività esorbitanti poste in essere dal lavoratore - Infortunio - Condotte abnormi ed imprevedibili - Configurabilità - Rif.Leg. art.2087 cc;art.7 D.lgs 626/1994; artt.15, 26, 75 D.lgs 81/2008;
Ricorrente soccombente - Resistente vittorioso

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Velotti Manuela
Marchi - Marchi: nullità - Accessori per telefonia mobile - Marchi denominativi concorrenti - Combinazione di parole inglesi - Capacità distintiva e novità del segno posteriore - Esclusione - Segno descrittivo - Nullità - Marchi: nullità - Accessori per cellulari - Segno posteriore - Componente figurativa - Valore descrittivo - Capacità distintiva - Non ricorrenza - Marchi - Marchio: registrazione - Telefonia mobile - Segno denominativo figurativo - Domanda di registrazione di marchio comunitario - Riconducibilità a messaggio promozionale ordinario - Configurabilità - EUIPO - Diniego di registrazione - Provvedimento del Trib. UE confermativo - Rif.Leg. artt.12, 13, 19, 25 D.lgs 30/2005;
Attore vittorioso - Convenuto soccombente

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Matteucci Paola
Locazione - Indennità di avviamento - Locazione commerciale - Disdetta le locatore - Finita locazione - Indennità di avviamento - Previsione contrattuale - Pattuizione di rinuncia del conduttore ad ogni indennità - Equilibrio sinallagmatico - Sussistenza - Indennità di avviamento corrisposta - Restituzione in favore del locatore - Rif.Leg. artt.34, 40, 79 L.392/1978;
Attore vittorioso - Convenuto soccombente

Tribunale REGGIO EMILIA - Est. dr. Serri Maria Rita
Lavoro rapporto - Lavoro a termine - Cessazione del rapporto - Impugnazione del termine del rapporto di lavoro - Termini previsti per l'impugnazione giudiziale - Dies a quo - Momento della trasmissione dell'impugnazione stragiudiziale - Preclusione decadenziale - Configurabilità - Rif.Leg. art.1 L.92/2012; art.32 L.183/2010; art.28 L.81/2015; art.6 L.604/1966;
Ricorrente soccombente in rito - Resistente vittorioso in rito

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Montanari Paola
[APP TRIB MODENA] Locazione – Uso non abitativo – Locazione ad uso commerciale – Cosa giudicata – Recesso – Cessazione del rapporto per spontanea liberazione dei locali da parte del locatario (conduttore) – Genericità dell’allegazione – Rilevanza quale “fatto pacifico” “non contestato” – Illegittimità – Trasferimento del locatario (conduttore) in nuova sede – Irrilevanza – Circostanza univocamente significativa della volontà di recesso dal rapporto – Esclusione – Recesso – Cessazione del vincolo contrattuale per recesso del locatore – Fondatezza – Rilevanza e prevalenza esaustiva – Indennità di avviamento – Esercizio nei locali liberati della stessa attività commerciale precedentemente esercitata – Debenza da parte del locatore dell’indennità per perdita dell’avviamento – Sussistenza – Rif. Leg. art.34 L 392/1978; art.91 cpc; art.13 DPR 115/2002; [CONFERMA]
Appellante soccombente - Appellato vittorioso
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Varotti Luciano
[RECLAMO TRIB FORLÌ] Fallimento – Chiusura del fallimento – Accertamento dell’impossibilità di soddisfare i creditori concorsuali – Rilevanza esaustiva – Istanza di messa in liquidazione da parte del Custode ed Amministratore Giudiziario (già nominato dal GUP in esito all’applicazione di misura di prevenzione) – Autorizzazione (del GUP) alla messa in liquidazione – Dissequestro dei beni – Istanza di fallimento – Istanza di dichiarazione di fallimento del Liquidatore Giudiziario\ Liquidatore Sociale (su delibera della assemblea societaria) – Carenza di legittimazione attiva – Infondatezza – Poteri esclusivi di rendiconto e restituzione dei beni agli aventi diritto – Infondatezza – Stato di insolvenza – Sussistenza – Crediti appostati all’attivo – Esigibilità perplessa – Debiti verso l’erario – Debenza certa e prevalente – Dichiarazione di fallimento – Legittimità e fondatezza – Reclamo avverso dichiarazione di fallimento – Reclamo del socio unico della S.r.l. fallita – Infondatezza – Rif. Leg. artt.321, 323 cpp; artt.5, 6, 15, 18, 118 RD 267/1942 (Lg. Fall.re); artt.35, 41, 43, 63 DLgs 159/2011; art.2487 cc; [REIEZIONE]
Istanza del reclamante. Reiezione
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Varotti Luciano
[APP TRIB RIMINI] Società – S.n.c. – Recesso del socio – in ispecie : recesso di due sociScioglimento della società – Scioglimento di diritto della società per mancata ricostituzione della pluralità dei soci – Cancellazione dal Registro delle Imprese – Liquidazione della società – Messa in liquidazione della società – Insussistenza – id est : pretermissione – Quota di partecipazione sociale – Soci receduti – Qualità di soggetti terzi creditori della società – Responsabilità illimitata verso i creditori sociali del(l’unico) socio superstite – Domanda dei soci receduti di liquidazione della quota di partecipazione societaria – Legittimazione passiva del(l’unico) socio superstite – Sussistenza – Responsabilità per i debiti sociali non onorati :a. ex legeb. in via convenzionale – Quota di partecipazione sociale – Quota di partecipazione societaria dei soci receduti – Quantum – Liquidazione ex CTU – Metodo “misto” (patrimoniale\ reddituale) – Verifica in contraddittorio con i CTP – Spettanza degli interessi legali – (Fattispecie applicativa di Corte di Cassazione n. 21036 del 2017, in riferimento a Corte di Cassazione, Sezioni Unite, n. 291 del 2000, nonché a Corte di Cassazione n. 5836 del 2013)Rif. Leg. artt.2275, 2285, 2289, 2291, 2312, 2495, 1224 cc; [RIFORMA INTEGRALE]
Appellante vittorioso - Appellato soccombente
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Fiore Giampiero M.
[APP TRIB PARMA] Locazione – Contratto di locazione – Locazioni ad uso abitativo – Rideterminazione legale : – a. della durata del rapporto e – b. della misura del canone annuale – Irretroattività delle disposizioni di legge – Esclusione – Applicabilità della normativa ai contratti in corso (id est : stipulati anteriormente) all’entrata in vigore della normativa – Applicabilità ai contratti già stipulati e non registrati – Contratto di locazione – Locazione ad uso abitativo – Contratto nullo per mancata registrazione – Occupazione dell’immobile sine titulo – Indennità dovuta dalla registrazione del contratto al rilascio dell’immobile – Morosità del conduttore – Insussistenza – Rif. Leg. art.3 DLgs 23/2011; art.1 (comma 59) L 208/2015; art.13 L 431/1998; art.5 DL 47/2014 (conversione L 80/2014); art.11 disp. prel. cc; [RIFORMA INTEGRALE]
Appellante vittorioso - Appellato soccombente
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Parisi Mariapia
[APP TRIB BOLOGNA] Appello – Atto di appello – Mutamento dei fatti costitutivi del diritto – Mutamento dell’oggetto dell’azione – Mutamento delle conclusioni assunte nel primo grado di giudizio – Mutatio libelliDomanda nuova in appello – Inammissibilità della domanda – Consulenza tecnica – Coniugi separati – Regime patrimoniale di comunione legale – Divisione dei beni in comunione – Elaborato peritale divisionale in esito alla consulenza tecnica di udienza disposta in primo grado – Obiettività e correttezza metodologica – Istanza di rinnovazione della CTU – Infondatezza – Rif. Leg. artt.159, 177 cc; artt.345, 395, 62, 191, 194, 195, 196, 201 cpc; [INAMMISSIBILITÀ] [CONFERMA]
Appellante soccombente in rito e nel merito - Appellato vittorioso in rito e nel merito
[P.M.]

Tribunale REGGIO EMILIA - Est. dr. Sommariva Camilla
Prescrizione e decadenza - Risarcimento del danno - Sinistro stradale - Condotte riconducibili a reato - Regime delle prescrizioni penali - Applicabilità all'azione civile - Obbligati solidali - Fatti non costituenti reato - Prescrizione civile - Configurabilità - Danni (mat.civile) - Danno non patrimoniale - Postumi permanenti di elevata entità 75% - Danno biologico - Liquidazione tabellare - Criteri - Danno esistenziale - Grave deterioramento della qualità della vita - Danno morale/esistenziale - Personalizzazione - Criteri - Danno patrimoniale: lucro cessante - Perdita integrale della capacità lavorativa - Danno patrimoniale permanente - Liquidazione - Criteri - Rendita Inail - Detrazione - Trasferimento di abitazione - Spese di locazione - Effetto del sinistro - Esclusione - Danno al congiunto: morte o lesione- Invalidità permanente della vittima primaria - Lesione del rapporto parentale - Danno iure proprio del coniuge e dei figli - Danno biologico e danno esistenziale - Liquidazione - Criteri - Fattispecie - Risarcimento differenziato - Rif.Leg. artt.1223, 2056, 2059, 2943, 2947 cc; artt.157, 590 cp;
Attori vittoriosi - Convenuti soccombenti

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Saracini Enrico
[APP TRIB RAVENNA] Agricoltura – Prelazione agraria – Terreno agricolo – Vendita – Denuntiatio verbale al coltivatore diretto del fondo confinante – Irrilevanza (id est : illegittimità) – Denuntiatio in forma scritta ad substantiam – Rilevanza esclusiva (id est : legittimità) ai fini dell’esercizio del retratto agrario – Procedimento civile – Principio di non contestazione – Retratto agrario – Condizioni dell’azione – Sussistenza in ragione della “non contestazione” – Illegittimità – Prelazione agraria – Requisiti : – a. qualifica soggettiva di coltivatore diretto – b. possesso della qualifica nei due anni anteriori all’esercizio dell’azione – Onere della prova – Idoneità della prova per presunzioni semplici (juris tantum) – Inottemperanza del retraente all’onere di allegazione e probatorio – Esercizio del diritto di prelazione agraria – Infondatezza – Acquisto del terreno finitimo da parte del terzo – Validità ed efficacia – Azione di retratto agrario – Reiezione – Rif. Leg. artt.8, 31 L 590/1965; art.7 L 817/1971; artt.1350, 2729, 2697 cc; artt.115, 116 cpc; [RIFORMA INTEGRALE]
Appellante vittorioso - Appellato soccombente
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Di Pasquale Riccardo
[APP TRIB MODENA] Separazione dei coniugi – Assegnazione della casa coniugale – Reiezione dell’istanza in prime cure – Legittimità – id est : assenza di ratio (teleologia) del provvedimento – Provvedimenti riguardo ai figli – Affidamento condiviso in prime cure e collocamento prevalente presso il padre – Figlio divenuto maggiorenne nelle more del giudizio di appello – Non luogo a provvedere (in sede di giudizio di appello) in merito all’affidamento e al collocamento – Mantenimento – Statuizione in prime cure dell’obbligo di mantenimento del figlio minorenne a carico del padre – Mantenimento integralmente assolto anche nell’età maggiorenne (in assenza di autosufficienza economica del figlio) – Divisione in pari entità tra i coniugi delle spese straordinarie – Mantenimento – Sperequazione reddituale tra coniugi – Oneri gravanti sul coniuge stabilmente convivente con il figlio – Rilevanza – Diritto dell’istante ad assegno di mantenimento – Esclusione – Stabile residenza (di fatto) dell’istante nell’ex casa familiare in comproprietà tra coniugi – Rilevanza – Rif. Leg. artt.156, 337ter, 337sexies cc; [CONFERMA]
Appellante soccombente - Appellato vittorioso - Conclusioni del procuratore Generale. Accoglimento
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Benassi Giovanni
[APP TRIB RIMINI] Possesso – Corpus possessionis et animus possidendiPossesso uti dominus – Area in proprietà della P.A. – in ispecie : ente pubblico territoriale (Comune) – Transazione – Scrittura privata (a contenuto transattivo) tra privato possessore e P.A. – Condizione sospensiva di costituzione del diritto di superficie sul bene – Avveramento (verificazione) del fatto dedotto in condizione – Insussistenza – Inefficacia del negozio – Transazione – Scrittura privata a contenuto transattivo – Valenza abdicativa\ di rinunzia al diritto derivante dal possesso – Esclusione – Corrispettivo\ Pagamenti concordati per l’uso del bene – Valenza di riconoscimento implicito dell’altrui diritto sul bene – Esclusione – Idoneità (della scrittura e dei pagamenti) a fini di interruzione del termine di prescrizione acquisitiva – Esclusione – Possesso – Possesso uti dominus ultra ventennale – Compimento anteriore al negozio transattivo tra privato possessore e P.A. – Usucapione – Acquisto da parte del possessore del diritto di proprietà sul bene immobile – Declaratoria – Rif. Leg. artt.1165, 1158, 1353, 1965, 2704, 2944 cc; [RIFORMA PARZIALE]
Appellante prevalentemente soccombente - Appellato e Appellante incidentale prevalentemente vittorioso
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Ferrigno Lucia
[APP TRIB PARMA] Società – Quota di partecipazione sociale: trasferimento – Cessione di quote di partecipazione sociale in S.r.l. – Quote oggetto di cessione in titolarità di altra e diversa S.r.l. – Attinenza e finalità del trasferimento all’acquisizione di azienda agricola – Rappresentanza senza potere – Incarico di consulenza (ai fini della cessione di quote di partecipazione sociale) conferito da soggetto sfornito del potere di rappresentanza (falsus procurator) – Conferimento verbis dell’incarico – Validità – Carenza di forma scritta ad substantiam – Irrilevanza – Consulenza e assistenza professionale (contabile fiscale e tributaria) nell’esercizio dell’incarico ricevuto ed espletato – Apparenza del diritto – Apparenza del diritto e affidamento incolpevole nel rappresentante apparente (falsus procurator) – Fondatezza – Tutela del terzo contrente (per la prestazione di consulenza e assistenza) con il falsus procurator – Fondatezza – Ratifica dell’operato del falsus procurator – Irrilevanza – Credito (privilegiato) per la prestazione professionale svolta – Insinuazione al passivo fallimentare della società cedente le quote di partecipazione sociale – Legittimità – Debenza del corrispettivo della prestazione da parte della società cedente tornata in bonis – Sussistenza – Rif. Leg. artt.1387, 1388, 1399, 2468, 2469, cc; [RIFORMA INTEGRALE]
Appellante vittorioso - Appellato soccombente
[P.M.]

Tribunale PARMA - Est. dr. Vittoria Marco
[APP GIUDICE di PACE] Danni (mat.civile) - Danno biologico - Sinistro stradale - Micropermanenti - L.27/2012 - Disciplina dell'accertamento del quantum - Applicabilità ai giudizi in corso - Configurabilità - Danno biologico - Rachide cervicale - Micropermanente - Accertamento tecnico strumentale obbiettivo - Inapplicabilità - Accertamento clinico legale - Suscettibilità - Gerarchia delle modalità di accertamento visivo-clinico-strumentale - Non configurabilità - Rif.Leg. artt.39 D.lgs 209/2005; art.32 L.27/2012; [RIFORMA]
Appellante vittorioso - Appellato soccombente

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Iovino Pietro
Professioni intellettuali - Inadempimento contrattuale - Opere pubbliche - Studio di fattibilità progettazione e direzione dei lavori - Attraversamento ciclo-pedonale in area Castelmaggiore della linea ferroviaria Bologna Padova - Incarico professionale - Azione risarcitoria dell'Ente committente nei confronti del professionista in qualità di progettista - Inadempimento - Liquidazione del danno - Giurisdizione ordinaria ed amministrativa - Opere pubbliche - Azione di risarcimento del danno nei confronti del progettista - Giurisdizione ordinaria - Configurabilità - Imputazioni di responsabilità quale direttore dei lavori - Giurisdizione contabile - Prescrizione e decadenza - Risarcimento del danno - Opere pubbliche - Progettazione e direzione dei lavori - Pretese risarcitorie confronti del professionista - Regime delle prescrizioni e delle decadenze - Determinazione - Assicurazione della responsabilità civile - Prescrizione del diritto dell'assicurato - Dies a quo del termine di decorrenza - Individuazione - Copertura assicurativa - Operatività - ,Rif.Leg. artt.1176, 1218, 2043, 2055, 2222, 2226, 2230, 2236, 2952 cc;
Attore vittorioso - Convenuto soccombente

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Gamberini Cinzia
Matrimonio e divorzio - Divorzio: assegno di divorzio - Coniuge richiedente - Redditi riconducibili al solo assegno di separazione - Capacità lavorativa - Non ricorrenza - Assegno divorzile - Suscettibilità in astratto - Divorzio: assegno di divorzio - Coniuge richiedente - Formazione di stabile convivenza con soggetto terzo nel periodo di separazione - Rilevanza dirimente a fini della non debenza dell'assegno di divorzio - Sussistenza - Rottura del nuovo rapporto di convivenza - Non rilevanza - Assegno divorzile - Preclusione - Rif.Leg. art.5 L.898/1970;
Ricorrente vittorioso - Resistente soccombente

Tribunale RIMINI - Est. dr. Ardigò Lucio
Lavoro rapporto - Categoria qualifica mansioni: demansionamento - Segretaria d'azienda - Affidamento di mansioni ordinarie - Condotte ostili dell'azienda - Mobbing -Non ricorrenza - Demansionamento e straining - Sussistenza - Danno professionale - Danno patrimoniale e non patrimoniale di natura psichica - Danno da dequalificazione professionale - Liquidazione - criteri - Licenziamento: causa di malattia - Demansionamento - Stato di malattia del lavoratore - Efficacia causale - Superamento del periodo di comporto - Responsabilità datoriale - Reintegrazione - Diritto d'opzione - Rif.Leg. artt.2103, 2087, 2110 cc; art.1 L.92/2012;art.18 L.300/1970;
Ricorrente vittorioso - Resistente soccombente

Tribunale PARMA - Est. dr. Vena Maria Pasqua Rita
Assistenza pubblica, privata e servizi sociali - Degenza geriatrica di anziani non autosufficienti in strutture protette - Atto di accollo del congiunto prossimo per le somme integrative non coperte dal servizio pubblico - Promessa unilaterale - Sussistenza - Azione di nullità o annullamento - Preclusione - Diritto di ripetizione delle somme versate - Non configurabilità - Promesse unilaterali - Promessa unilaterale di pagamento di prestazioni future - Atto di recesso - Efficacia - Ripetizione delle somme posteriori - Configurabilità - Azione surrogatoria - Enti Assistenziali erogatori di prestazioni sociali - Azione surrogatoria nei confronti dei congiunti tenuti agli obblighi alimentari - Preclusione - Rif.Leg. artt.433, 438, 1373, 1418 cc; art.6, 25 L.328/2000; art.183, 191 D.lgs 267/2000; art.2, 6 D.lgs 130/2000
Attore parzialmente vittorioso - Convenuto parzialmente soccombente

Tribunale MODENA - Est. dr. Salvatore Emilia
Azienda - Cessione d'azienda - Fallimento - Atto di trasferimento d'azienda - Liceità - Pregiudizio dei creditori - Azione di nullità - Preclusione - Fallimento - Revocatoria ordinaria - Atto di trasferimento d'azienda gratuito - Pregiudizio - Elemento soggettivo ed oggettivo - Configurabilità - Revocatoria - Rif.Leg. art.2901 cc; artt.67 RD 267/1942;
Attore vittorioso - Convenuto soccombente

Tribunale REGGIO EMILIA - Est. dr. Vezzosi Elena
Cooperative - Principi pronunciati da Cass. sez.Unite 27436/2017 - Socio lavoratore - Risoluzione dei rapporti - Tutela reale - Inapplicabilità - Cooperative - Socio lavoratore - Lavoro a termine - Cessazione del rapporto - Qualificazione come licenziamento - Insuscettibilità - Esclusione del socio - Mancata impugnazione avanti al tribunale delle Imprese - Rito Fornero - Improcedibilità - Lavoro a termine - Cessazione del rapporto a termine - Integrazione del licenziamento - Non configurabilità - Impugnazione del licenziamento a fini reintegratori o risarcitori - Estraneità - Rif.Leg. art.1 L.92/2012; art.18 L.300/1970; art.6 L.604/1966; art.2 L.142/2001;
Opponente (rito Fornero) soccombente in rito - Opposto (rito Fornero) vittorioso in rito


 
Ricerca generale
Ricerca per voci
Area riservata utenti
Corte d'Appello di Bologna
Tribunale dei minori di Bologna
Tribunale di Bologna
Tribunale di Ferrara
Tribunale di Forlì-Cesena
Tribunale di Modena
Tribunale di Parma
Tribunale di Piacenza
Tribunale di Ravenna
Tribunale di Reggio Emilia
Tribunale di Rimini
Giudici di Pace
 
Provvedimenti massimati
Note e commenti
Avvocato Giacomo Voltattorni
Nota a sent. Tribunale di Parma del 26/02/2018
Avv.to Astorre Mancini (Fòro di Rimini)
Sovraindebitamento e socio illimitatamente responsabile di società fallibile : nuove aperture della giurisprudenza in attesa dell’attuazione della Legge Delega n.155/2017.
Nota a Tribunale di Rimini 12 marzo 2018, Pres. est. dott.ssa Miconi
Il provvedimento si segnala per l’interpretazione estensiva data al disposto dell’art. 6 della legge 3/2012 che nel disciplinare l’ambito di applicazione della procedura de quo, richiama espressamente “le situazioni di sovraindebitamento non soggette né assoggettabili a procedure concorsuali diverse da quelle regolate dal presente capo”.
Con poche eccezioni di merito (Tribunale di Prato 16 novembre 2016), e facendo leva sul disposto dell’art. 7 secondo comma lett. a) l. 3/2012 per cui “la proposta non è ammissibile quando il debitore, anche consumatore, è soggetto a procedure concorsuali”, la giurisprudenza aveva ribadito di escludere dalla procedura di Sovraindebitamento i soci illimitatamente responsabili di società di persone fallibili, ancorchè detti soggetti non fossero imprenditori e subissero la declaratoria di fallimento soltanto in estensione ai sensi dell’art. 147 l. fall.
dr. Luciano Varotti (Consigliere Corte d'Appello di Bologna)
CORSO DI FORMAZIONE PER GESTORI DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO - Il sovraindebitamento e il piano del consumatore
La legge 27 gennaio 2012 n° 3 si propone di dettare misure in materia di usura e di crisi da sovraindebitamento. Ricorda molto una fenice, il noto uccello mitologico famoso per il fatto di risorgere dalle proprie ceneri dopo la morte, se è vero – come lo è – che essa venne preceduta dal DL 22 dicembre 2011 n° 212 ("disposizioni urgenti per l’efficienza della giustizia civile"), le cui disposizioni vennero abrogate dalla legge di conversione del 17 febbraio 2012 n° 10, per risorgere – per l’appunto – con la legge n° 3 del 2012. L’originario impianto normativo contenuto in questa legge venne poi stravolto dall’intervento effettuato con il d.l. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221, grazie al quale siamo arrivati alla attuale formulazione del testo normativo. Direi però che, invece di rinascere giovane e potente, la legge n° 3 ha assunto la forma di un Cerbero, un mostro mitologico tricefalo con un unico corpo: c’è solo da augurarsi che essa non duri 500 anni, come la vera Fenice.
dr.ssa RossellaTalia (Presidente Tribunale di Rimini)
LINEE GUIDA in materia di istanze ex art. 492 bis c.p.c. – 155 quinquies disp. att. c.p.c.
In attesa della operatività dell’accesso alle banche dati da parte dell’ufficiale giudiziario ex art. 492 bis c.p.c. – coincidente con l’inserimento di ciascuna delle banche dati nell’elenco pubblicato sul portale dei servizi telematici (art. 155 quater comma 1 e art. 155 quinquies comma 2 disp. att. c.p.c. nel testo novellato dalla Legge 6 agosto 2015 n. 132, di conversione con modificazioni del Decreto Legge 27 giugno 2015 n. 83) – la ricerca da parte del creditore con modalità telematiche di beni ai fini del pignoramento mobiliare o presso terzi è disciplinata dall’art. 155 quinquies disp. att. c.p.c. in relazione all’art. 492 bis c.p.c.
Avv. Giuseppe Villone (Foro di Bologna)
Brevi note sulle notificazioni in proprio eseguite a mezzo PEC a seguito del D.M 48/2013 e sul Protocollo sulle notificazioni tramite PEC dell’Osservatorio della Giustizia Civile di Bologna del 21 luglio 2014
La possibilità di effettuare notificazioni a mezzo PEC in proprio da parte degli avvocati ai sensi della L. 53/1994 rappresenta indubbiamente forse una delle più significative recenti semplificazioni degli innumerevoli adempimenti formali cui il legale che svolge essenzialmente attività giudiziale è chiamato. Come non ricordare le interminabili code presso gli uffici dell’UNEP per notificare un atto, per poi tornare nuovamente a ritirare l’originale rilasciato dall’ufficiale giudiziario, senza peraltro alcuna sicurezza sul buon esito della notificazione quando il notificando risultava irreperibile e/o trasferito...
Avv. Ciro Giuliano (Foro di Modena)
La scissione parziale come modalità esecutiva di una proposta di concordato preventivo con continuità aziendale
Il Legislatore ha previsto il concordato con continuità aziendale, ipotizzando sia la "prosecuzione dell’attività di impresa da parte del debitore", sia "la cessione dell’azienda in esercizio ovvero il conferimento dell’azienda in esercizio in una o più società, anche di nuova costituzione" (art. 186-bis, L. Fall. Nel primo caso, viene data allo stesso imprenditore la possibilità di uscire dallo stato di crisi, pagando solo in parte i propri debiti e destinando allo scopo solo una parte del suo patrimonio e del cash-flow generato dalla prosecuzione dell’attività d’impresa...
vedi elenco completo...